Lavori in Altezza: le corrette procedure e i DPI - Safety First

Lavori in Altezza: le corrette procedure e i DPI

I Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) sono indispensabili per la sicurezza sul lavoro, dagli Spazi Confinati e/o Sospetti di Inquinamento ai Lavori in Altezza.

Ogni Ambito Lavorativo prevede dei Dispositivi di Protezione specifici e corrette procedure per eseguire le proprie attività in sicurezza. Di seguito, saranno illustrati i sistemi di salita e di discesa corretti e i DPI specifici per i Lavori in Altezza.

Lavori in Altezza: le corrette procedure

Lavori su Scala 

Le scale sono uno strumento molto utilizzato come punto di accesso per i lavori in altezza e  talvolta come postazione di lavoro.

Nella prima fase, la scala deve essere posizionata correttamente e sorretta da due operatori durante tutta l’operazione. Il lavoro su scala al di sopra dei due metri deve essere supportato da un sistema di ancoraggio temporaneo possibilmente overhead, cioè al di sopra della testa, per avere una maggiore trazione dei cavi.

 

Lavoro in Altezza su Trabattello 

Per effettuare una salita in totale sicurezza su un trabattello è necessario utilizzare sistemi anticaduta, come il cordino a Y.

Durante i lavori quota, può accadere che l’operatore possa avere un mancamento o un malore. Per questo, la figura del preposto è indispensabile, perché si occupa di effettuare la manovra di salvataggio. Naturalmente, il responsabile deve ricevere una formazione e un addestramento adeguati.

 

Utilizzo Macchina Picking

Le Macchine Picking predispongono un punto di ancoraggio apposito che consentono all’operatore di effettuare il lavoro in sicurezza, perché il cordino non permette l’uscita del baricentro al di fuori della sagoma della piattaforma.

Senza un sistema di ancoraggio la parte superiore del corpo potrebbe essere sbilanciata e in caso di mancamento o momento di instabilità potrebbe causare caduta. Il rischio aumenta con la presa di un carico, ad esempio un pacco durante un lavoro in magazzino.

 

DPI Lavori in Altezza

Durante la salita e la discesa sono le fasi in cui si hanno maggiori rischi, che variano anche in base alle misure corporee di un lavoratore quali peso, larghezza delle spalle (asse maggiore), profondità del corpo (asse minore) ed il baricentro.

In questo caso, i DPI sono indispensabili. Nello specifico è necessario prevedere l’uso di sistemi di arresto caduta, previsti dall’art. 115 del D.Lgs. n. 81/2008, per prevenire le cadute dall’alto quali:

1. Punto di Ancoraggio: per prevenire o arrestare completamente le cadute dall’alto:

2. Assorbitore:  una componente del sistema anticadutaattenua gli effetti di un’eventuale caduta dall’alto;

3. Cordino: il cordino in fune metallica, fibra sintetica o catena è l’elemento intermedio tra il punto di ancoraggio e l’assorbitore;

4. Imbracatura per il Corpo: costituita da larghe cinture, fibbie di regolazione a anelli di ancoraggio,  ha la principale funzione di sistema anticaduta;

 

Inoltre è fondamentale prevedere una procedura di emergenza rescue, in particolar modo nella fase di discensione. Bisogna calcolare anche la sindrome da sospensione, perché tutte le volte che un corpo rimane in sospensione le fasce cosciali possono lasciare segni se utilizzate a lungo. Un’operazione che deve eseguita a seguito di adeguata formazione e addestramento.

Per maggiori informazioni sui corsi Safety First, visita la sezione dedicata sul nostro sito.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento Required fields are marked *
Logo Mw Communication